Componente 1

Equipaggiamenti di protezione da accensione per motori entrobordo ed entrobordo con comando a poppa alimentati a benzina e per gli spazi occupati da serbatoi fissi di benzina

Con riguardo a tale componente, c’è tutt’ora molta confusione sulla “tipologia di prodotto”, scambiato spesso ed erroneamente con i sistemi antincendio et similia.

Si tratta, invece, di  equipaggiamenti che devono consentire  il funzionamento in sicurezza  di  impianti elettrici nei luoghi  dove possono formarsi atmosfere esplosive per la presenza di gas e vapori infiammabili e quindi obbligatori  negli spazi occupati dai motori  entrobordo ed entrobordo con comando a poppa, nonchè negli spazi occupati dai serbatoi fissi quando il carburante risulta essere benzina.

La norma armonizzata, che deve essere rispettata per poter “omologare-installare”  tale equipaggiamento su unità da diporto, è la EN 28846:1993 modificata con l’aggiornamento A1:2000, recepita in Italia  come UNI EN 28846 : 2002.

Tale norma prevede la possibilità di installare e quindi marcare CE  tre diversi tipi di  dispositivi come di seguito identificati:

  • dispositivi totalmente ermetici, impermeabili all’ingresso di gas/vapori  infiammabili di qualsiasi tipo ( con la esclusione del solo Idrogeno che non viene considerato per tale applicazione)
  • dispositivi non ermetici, permeabili all’ingresso di gas infiammabili ( con la esclusione del solo Idrogeno che non viene considerato per tale applicazione) ma che in caso di accensione all’interno non consentono la propagazione della fiamma all’esterno del dispositivo stesso.
  • Dispositivi non ermetici a sicurezza intrinseca permeabili all’ingresso di gas infiammabili ( con la esclusione del solo Idrogeno che non viene considerato per tale applicazione) ma che producono scintille con energia termica così bassa da non essere in grado di provocare qualsivoglia accensione

I dispositivi  autorizzati secondo tale norma devono recare la  la scritta indelebile ” ISO 8846  MARINE”

Tale norma non si applica  alla apparecchiature antideflagranti   secondo Direttiva “ ATEX” , che risultano comunque compatibili per tale impiego anche se non conformi a norma armonizzata per il diporto; in casi dubbi, contattare la Direzione tecnica UDICER.

Hai acconsentito all’utilizzo dei cookie memorizzati sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere riconsiderata.
(I cookie di terze parti non potranno più comunicare con i loro siti principali, ma non possono essere rimossi da questo sito web e devono essere rimossi con altri mezzi. Per sapere come procedere per la rimozione completa visita la pagina sulla Privacy & Cookie Policy